Cos’è l’Apple ProRes

La battaglia degli Smartphone non si combatte solo sulle caratteristiche, ma anche sulle funzioni che vengono offerte. Questo si è ormai capito da qualche tempo, specialmente da quando Google ad esempio ha inserito i suoi mezzi intelligenti per migliorare le foto passivamente. Insieme alla presenza passata di Huawei, che ha fatto comprendere l’importanza di avere a disposizione una fotocamera equipaggiata e potente, è chiaro che alla fin dei conti bisogna sempre offrire la possibilità all’utente medio di diventare dei fotografi provetti, di poter davvero ottenere il massimo da una fotocamera professionale montata in un cellulare.

Per questo, l’Apple ha deciso di prendere una semplice idea che usano tutti, ma d’innovarla ad una generazione propria, come spesso questa casa fa. Per questo è nato l’Apple ProRes. Ma di che si tratta, e perché piace a tutti gli appassionati della mela morsicata?

Apple ProRes: le caratteristiche

Cominciamo col dire che il ProRes è un codec, una codifica video, il quale si basa su un formato proprietario dell’Apple. L’obiettivo di questa codifica è di offrire qualcosa di molto simile al RAW, ovvero la possibilità di registrare contenuti senza alcuna compressione. Questa tipologia di formato ha un grande numero di vantaggi, compresa ovviamente la possibilità di mantenere le informazioni del video (colorazioni, effetti, ed altro ancora) senza alcuna perdita di qualità, anche dopo averne modificato alcuni aspetti. Questo è straordinariamente utile nella modalità Cinema, il quale può memorizzare anche i punti nel quale l’inquadratura viene sfocata in parte, permettendo però di cambiare il tutto se lo si desidera. Il ProRes è però un formato molto pesante. Un minuto di registrazione in 4K può prendere oltre i 5Gb, perciò registrare un intero filmato può essere gravoso per la memoria del cellulare. Per questo l’Apple ha deciso di permettere la registrazione in 4K solo dagli iPhone 13 Pro con un ammontare di memoria a partire da 256Gb. Quelli con una memoria più contenuta potranno registrare solo in Full HD.

Le soluzioni alternative

Esistono altri dispositivi che possono registrare in ProRes? Attualmente sì. Fotocamere e videocamere, anche se per uso professionale e perciò molto costoso. Vi sono anche dei prodotti che possono elaborare video ProRes al volo, come gli iMac / Macbook della Apple che includono il chip Apple Silicon M1 Pro o M1 Max. Insomma, sembra che il ProRes sia un formato molto comodo sia per chi è un appassionato amatoriale o professionale di questo campo. Anche se gli iPhone 13 Pro non sono esattamente economici, rappresentano tuttora una delle soluzioni meno costose per registrare video in altissima risoluzione pur sfruttando una compressione minima che non sia un semplice RAW.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *